Archive for maggio, 2008

Stato Non democratico

maggio 30, 2008

La democrazia si distingue da tutti gli altri regimi per la sua promessa di una sovranità distribuita. Tutti gli individui hanno gli stessi diritti fondamentali e lo stesso potere di eleggere rappresentanti. Per la democrazia lo Stato è una alleanza fra soggetti sovrani.

Molti Stati moderni si definiscono democratici, ma in nessun momento della vita di un cittadino gli viene chiesto se aderisce al patto di cittadinanza. Quale patto è legale se non esiste un esplicito consenso di un contraente?

Quale sovranità ha l’individuo se non può sottrarsi al patto che lo Stato gli impone?

Annunci

Non uccidere

maggio 26, 2008

Non si deve uccidere nessuno. Mai. Nemmeno per legittima difesa.

Sovranità

maggio 26, 2008

Il soggetto della sovranità è la sovranità del Soggetto.

La notte

maggio 26, 2008

La notte.
Un intervallo quieto
fra la paura di morire
e la paura di vivere.

Prima di tutto vennero a prendere gli zingari (Bertold Brecht – Berlino, 1932)

maggio 24, 2008

Prima di tutto vennero a prendere gli zingari

e fui contento, perché rubacchiavano.

Poi vennero a prendere gli ebrei

e stetti zitto, perché mi stavano antipatici.

Poi vennero a prendere gli omosessuali,

e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi.

Poi vennero a prendere i comunisti,

ed io non dissi niente, perché non ero comunista.

Un giorno vennero a prendere me,

e non c’era rimasto nessuno a protestare.

Nuove religioni

maggio 23, 2008

In Italia puoi dire di essere ateo, di non credere in Dio, di non praticare alcuna religione. Alcuni credono che questo sia un segno della laicità dello Stato repubblicano e democratico. Ma non è così.

Non puoi dire di non credere nello Stato o nelle Istituzioni. Non puoi dire di pensare che la democrazia, così come è attuata, è solo un simulacro che serve a nascondere un regime corporativo.

Abbiamo solo sostituito una religione con un’altra.

Ricordare senza mai immaginare

maggio 20, 2008

Siamo un Paese che passa il tempo a “ricordare”. Ogni giorno è dedicato a qualche memoria: dell’olocausto, della resistenza, delle foibe, della nascita del corpo della Finanza, del Sessantotto , della morte di Aldo Moro, e di decine altri anniversari. I filmati televisivi che vanno per la maggiore riguardano santi, papi, preti, campioni sportivi tutti defunti e da parecchio.

Non c’è niente di male in queste “memorie”, anzi: ricordare è giusto ed anche utile.

Il fatto è che a questa memoria non si affiancano mai il futuro, l’immaginazione, la fantasia. Non esistono giornate dedicate a festeggiare un progetto. Non esiste un solo filmato italiano che racconta il futuro.

Questo ci dice due cose. La prima è che l’Italia è un Paese dominato dalla nostalgia, dal passato, dalla conservazione. La seconda è che abbiamo smarrito (o ci hanno rubato) il futuro. Il potere di oggi ha ucciso il possibile di domani. Il futuro non esiste se non come mera ripetizione del presente.

Letta in Rete

maggio 8, 2008

Può darsi che le forze armate siano un male necessario, ma non va mai
dimenticato che restano appunto un male: niente adulazione e niente retorica!

Letta in Rete

maggio 8, 2008

La vita è una malattia sessualmente trasmessa