Archive for dicembre, 2018

GRAZIE, DIO

dicembre 31, 2018

Dio, lo so che non esisti, ma ti ringrazio per la meravigliosa vita che mi hai dato.

COMUNI IMPAZZITI

dicembre 30, 2018

I Comuni tagliano i fondi per l’assistenza ai disabili perchè (dicono) mancano i soldi. Ma trovano sempre i soldi per le luminarie natalizie e i concertoni di Capodanno.

TELEFONINO

dicembre 29, 2018

Se qualcuno, mentre cena con me, usa il telefonino…mi alzo e me ne vado.

Novità gennaio-giugno2019

dicembre 28, 2018


Aforismi scaricabili > Selezione migliori aforismi 2000-2010 , Piccole istruzioni per la vita

Nuove immissioni articoli > Il lavoro che non c’è nell’Italia che non c’è (scaricabile), Unabomber,
Brigate rosse, Al Qaeda: la violenza che aiuta la conservazione
(scaricabile), Psicologia (2)Formazione (1)Gruppo (2) , Educazione & Scuola (11) , Lavoro & Organizzazione (4)

DIFFERENZE DI LIBERTA’

dicembre 27, 2018

Nei Paesi “totalitari” ci sono un sacco di cose proibite.
Nei Paesi “democratici” ci sono un sacco di cose consentite, purchè:
superi la corsa ad ostacoli, percorri ed esci dal labirinto, prendi una patente,
versi una tangente e paghi le tasse.

BUON PADRE E BUON GOVERNO

dicembre 21, 2018

Un buon padre di famiglia prima garantisce un tetto e il cibo per i figli, poi provvede perchè il familiare malato o disabile abbia tutte le cure e assistenza possibile, infine, rende sicuro il tetto e senza immondizie il giardinetto davanti casa. Tutti il resto, coi soldi che avanzano.
Un buon governo fornisce tetto e cibo ad ogni cittadino (o lavoro per pagarseli), garantisce salute e assistenza al massimo livello e infine, previene disastri naturali e catastrofi ambienttali, fornisce una polizia che “pulisca davvero” e una magistratura efficiente. Tutto il resto, se ci sono soldi.

RETORICA MASSMEDIATICA

dicembre 20, 2018

“Va tutto bene” dice l’eroe, abbracciando il bambino cui qualcuno ha sterminato la famiglia.
“Domani è il giorno più bello della mia vita” dice la fanciulla che dopodomani chiederà il divorzio.

I MIEI EROI (E I TUOI?)

dicembre 17, 2018

I miei eroiClikka per ingrandire

LA MALATTIA AL POSTO DEL CRIMINE

dicembre 13, 2018

La madre che uccide due figli è una depressa.
Il serial killer di otto persone è un pazzo.

I MIEI MAESTRI (E I TUOI?)

dicembre 10, 2018

I miei maestriClikka per ingrandire

STUPORI RAZZISTI

dicembre 7, 2018

Chi si stupisce e plaude perchè una donna fa l’astronauta.
Chi si stupisce e plaude perchè un nero diventa Presidente.
Chi si stupisce e plaude perchè un disabile è coraggioso.

MELE MARCE O SISTEMA VELENOSO?

dicembre 5, 2018

Il sistema è sano, sono i singoli che delinquono
Tutti a dire che pochi carabinieri che ammazzano un prigioniero non possono sfregiare l’Arma intera.
Tutti a dire che pochi sacerdoti pedofili non possono svalutare l’intera Chiesa.
Tutti a dire che pochi politici ladri non possono screditare l’intera classe politica.
Tutti a dire che i pochi casi di sadismo nella scuola (da parte delle maestre o degli allievi) non possono minare la fiducia nell’istituzione.
Tutti a dire che i pochi casi di assenteismo nella Pubblica Amministrazione non toccano la serietà della stessa.
Tutti a dire che pochi giudici o pubblici ministeri ingiusti, inetti, corrotti non giustificano la sfiducia verso la magistratura.

Il singolo è sano, il contesto è malato e patogeno
La delinquenza giovanile è frutto del quartiere o della famiglia in cui crescono.
La tossicodipendenza, l’alcolismo e la ludopatìa sono causate dalle incomprensioni della società, della scuola, della famiglia.
Non sono responsabili i giovani delle follìe sui Social network, il colpevole è la Rete.
E’ il sistema sportivo a spingere gli atleti al doping e i tifosi alla violenza.
Gli spettatori non sono viziosi o violenti: sono i mass media che promuovono la pornografia, il nudo, il crimine.
I maniaci della chirurgìa estetica non sono idioti: sono vittime dei modelli dello star system.

NON ESISTONO INNOCENTI

dicembre 3, 2018

Il vigile che ti dà una multa assurda
Il giudice che commina l’ergastolo a un innocente
Il doganiere che ti multa se ti trova in valigia una mela
L’ufficiale giudiziario che ti pignora la casa
L’autista del ricco banchiere evasore
La guardia del corpo del mafioso
Il piccolo spacciatore che vende droghe
La vedetta di quartiere della camorra
Il celerino che manganella i manifestanti
Il telefonista del truffatore televisivo
L’operaio che costruisce le mine anti-uomo
Il pilota che sgancia l’atomica su Iroshima
La guardia nazista di Auschwitz
………dicono sempre la stessa cosa:“Faccio solo il mio lavoro”